di Robert Todd Carroll

 the truth is in here!
SkepDic.com

Versione italiana a cura di Dario Ventra
©2003

Elenco alfabetico degli argomenti

vertline.gif (1078 bytes)

 

 PREFAZIONE

Il Dizionario dello Scettico è probabilmente uno dei primi libri espressamente scritti per la pubblicazione sul World Wide Web (WWW). Tutto cominciò con meno di 50 voci, ma ora ne comprende ben più di 400. Sapevo che ci sarebbe stata l’opportunità di raggiungere un pubblico a scala mondiale pubblicando in rete, ma non avevo idea che si sarebbero raggiunti circa 200.000 contatti sulle mie pagine .html da parte di oltre 25.000 visitatori mensili. Migliaia di lettori mi hanno mandato e-mail con commenti, suggerimenti e critiche. La mia reazione è stata di aggiungere molte più voci di quante comparissero nella prima “edizione” del 1994. Il Dizionario è stato tradotto integralmente in italiano, e molte voci sono disponibili in tedesco, slovacco, coreano e francese. A un certo punto erano reperibili anche traduzioni in giapponese, spagnolo latino-americano ed una spagnola a cura di un’associazione scettica in Spagna. Molti commenti dei lettori ad alcune voci sono stati inclusi, e grazie ai più attenti di essi numerosi errori sono stati corretti.

La corrispondenza con lettori da ogni angolo del mondo è stata piacevole. Devo ammettere peraltro che mi ci è voluto un po’ ad abituarmi alla posta dai toni sgradevoli. Ringrazio anche i miei più veementi critici per i loro peggiori attacchi ad hominem: essi mi hanno aiutato in molti modi, sebbene io ritenga opportuno non rivelarli in questa sede. Ringrazio anche quanti hanno voluto esprimere compassione nei miei confronti in quanto non credo in un dio, nella percezione extrasensoriale, nel Coniglio Pasquale, nei misteri di Roswell o nella tecnica di marketing piramidale. La loro comprensione è apprezzata, ma non mi è necessaria. Lo scetticismo nei riguardi del soprannaturale, dell’occulto, del paranormale e delle pseudoscienze non costituisce tutta la mia vita, e concordo che un’esistenza dedicata a nient’altro che simili questioni sarebbe davvero squallida e sprecata.

Un’altra valida attrattiva della pubblicazione sul WWW è che il “libro” risulta dinamico. Contrariamente a un testo stampato, non devo attendere nuove edizioni per apportare cambiamenti. Posso effettuarne quotidianamente. Posso aggiungere delle voci, correggere eventuali errori e apportare modifiche a volontà. Se domani mi pentissi di quanto ho cambiato oggi, potrei sempre cancellarlo di nuovo. Se un domani dovessi apprendere qualcosa di importante su un argomento pubblicato ieri, potrei intervenire immediatamente con le opportune rettifiche o aggiunte. Per informare i miei lettori più assidui delle eventuali novità ho aggiunto nell’indice in rete un collegamento ad una pagina degli aggiornamenti, dove sono elencati i titoli e le date delle voci più recenti. Nei fatti, il mio progetto originale di un dizionario con definizioni dei termini e brevi articoli su certi argomenti o personaggi è stato ampliato: ho creato un altro sito sul WWW, il Rifugio dello Scettico, ove includere ulteriori note di interesse in materia quali Mass Media Bunk, per dei saggi critici sulla trattazione dei fenomeni occulti da parte dei mezzi di comunicazione pubblica; Mass Media Funk, con riferimenti ad articoli di potenziale interesse per gli scettici sui mass media; R & R, per le revisioni e commenti critici a libri; Too Good to Be True, per i commenti su truffe e imbrogli trasmessi a mezzo internet; nonché collegamenti a vari saggi e pagine web di rilievo. È stata anche aggiunta una pagina di collegamenti internet per i giovani scettici.

Al nostro ingresso nel cosiddetto “nuovo millennio”, mi aspetto che il mondo si faccia sempre più strambo. Mi aspetto anche che i mezzi di comunicazione di massa diano spazio con compiacenza a tale stramberia, e che facciano molto poco per contrastarne criticamente l’espansione. È stata aggiunta anche una pagina, Internet Bunk, con osservazioni su tutte le sciocchezze che si trovano in rete, nonché un’altra sulle leggende urbane, ovvero quelle notizie false ma ampiamente diffuse e che passano per vere anche tra coloro che in effetti dovrebbero saperla lunga. Per fortuna la rete ha anche facilitato il modo di procurarsi la letteratura scettica: la Amazon Books ha acconsentito a che i lettori possano ordinare determinati titoli in inglese direttamente dai collegamenti della mia Skeptic’s Bibliography o dalla piccola sezione bibliografica in coda ad ogni specifica voce del dizionario.    

Il dinamismo di un’opera di questo genere ha anche i suoi difetti, ne sono consapevole. Tanto per fare un esempio, oggi potrei venire citato in un testo, ma domani qualcun altro potrebbe cercare direttamente alla fonte e la citazione originale potrebbe essere già scomparsa! Non si dovrebbe mai ricorrere ad un testo dinamico come alcuni fanno con la Bibbia o coi codici legali. Inoltre i collegamenti ad altre pagine Internet possono essere effimeri e inaffidabili, ed è un lavoro continuo quello di verficare quali collegamenti ipertestuali debbano essere aggiornati nell’URL e quali siano semplicemente divenuti inattivi. Le informazioni sui server FTP sono oltremodo volatili, ma anche i siti WWW vanno e vengono in modo imprevedibile. Io ritengo ugualmente che i benefici di tutto questo dinamismo superino ampiamente gli svantaggi, anche se mi rendo conto che non sarò mai realmente autorizzato ad affermare che il Dizionario dello Scettico avrà finalmente raggiunto una sua ideale veste definitiva.

Naturalmente il vero problema della pubblicazione sul WWW non ha niente a che vedere con il suddetto dinamismo testuale. Sono sicuro che tutti abbiamo visitato dei siti web che restano immutati per anni e che non forniscono collegamenti a nient’altro nell’universo intero! Il principale inconveniente è invece quello derivante dall’autopubblicazione: non c’è un processo di revisione professionale come la peer review. Non posso negare che invece una simile opera di revisione critica mi sarebbe molto utile. D’altro canto le revisioni non hanno mai impedito nemmeno la pubblicazione, da parte di sedicenti importanti editori, di una quantità straordinaria di dabbenaggini grossolane e fasulle, di testi che aprono compiacenti la via per il gusto del soprannaturale e del paranormale, per lo pseudoscientifico o il misterioso. Quindi forse il lettore da Internet non è del tutto svantaggiato rispetto a chi si avvale di pubblicazioni più tradizionali. Ognuno si deve assumere piena responsabilità nel valutare qualunque materiale legga. Qualsiasi libro nella vostra bilbioteca può essere stato sottoposto a una procedura di revisione e controllo, ma non per questo potrete darne per scontata l’autorevolezza o la piena affidabilità nei contenuti: questa sarà una valutazione che doverete effettuare voi stessi dopo la lettura. Sia come sia, io ho anche molti revisori da tutto il mondo che mi hanno mosso osservazioni su punteggiatura, ortografia, date e misure, e che mi hanno anche redarguito per quelle che consideravano valutazioni o analisi di poco valore, o omissioni intenzionali o disinformate.  

Infine, sono stato attratto dall’idea di pubblicare sul WWW anche perché sapevo che le informazioni da me fornite sarebbero state disponibili a chiunque dotato di un computer e un modem. Nessuno avrebbe dovuto pagare per la mia opera, che sarebbe stata gratuita. Ciò può risultare difficile da comprendere per qualcuno, viviamo pur sempre in una società che misura il valore delle persone dai soldi che hanno. Ammetto di non essere sicuro del perché questo mi intrighi così tanto, ma mi piace questa idea di diffondere gratuitamente i miei articoli e i vari riferimenti che li accompagnano. Mi rendo perfettamente conto che computer e modem non sono gratis, e che molte scuole e biblioteche non offrono accessi a Internet… per ora. Credo però che giorno verrà in cui scuole, biblioteche e altre agenzie pubbliche realizzeranno il beneficio di offrire accesso ad Internet libero o a basso costo per il pubblico. E quando ciò sarà, mi auguro che alcune di quelle persone si imbattano in un collegamento ipertestuale al Dizionario dello Scettico. Sono arrivato anche alla speranza che un giorno esca un’edizione a stampa del  Dizionario dello Scettico [il che in effetti si sta realizzando nella prima metà del 2003, allorchè la prima edizione americana di The Skeptic’s Dictionary va in stampa per i tipi della prestigiosa casa editrice John Wiley & Sons; N.d.T.], per coloro che non vogliono o non possono accedere a Internet. All’uscita di un’edizione stampata spero che molti di quelli che ne hanno apprezzato la versione ipertestuale se ne vogliano procurare una copia, se non per sé stessi almeno come dono per chiunque possa beneficiare di un testo di riferimento con una precisa posizione ideologica.

Robert T. Carroll
Davis, California

23 Settembre 1998
(riveduto il 23 Dicembre 2001)

 

 

 

Last updated 11/21/10